HOME
 
CHI SIAMO
 
PUBBLICAZIONI
 
AUTORI
 
PERIODICI
 
DIDATTICA
 
LESSICO
 
BIBLIOGRAFIA
 
RECENSIONI
 
EVENTI
 
ADMIN
 
CREDITS
Vai all'indice di questa sezione

Ricerca avanzata

TEMI

arte aspirazioni colori contatti con altri paesi costumi emigrazione flora e fauna gente geografia giornalismo istruzione italia ed europa leggende limiti lingua modi di dire nazioni extraeuropee religiositÓ riferimenti letterari storia

Flora e fauna

Cagliari, Tipografia del Commercio, 1881

Bozzetti sardi

Ottone Bacaredda

p. 45
E l’arma ad accorrere sul luogo, a frugare per tutto, ad intimare il "ferma" ad ogni lepre o cerbiatto frusciante tra le sterpaglie … Ecco dietro una macchia di lentisco, sbucare la sommità d’una berretta nera, i lembi vellosi d’una pellizza ). […] Ahimè! Quello non era ancora il bandito. Silvone appariva infatti, su d’un’altura vicina, a capo nudo e con farsetto azzurro.

colori, flora e fauna

Cagliari, Tipografia del Corriere di Sardegna, 1875

Elodia e la repubblica sassarese. Romanzo storico

Marcello Cossu

p. 5
Que'suoi raggi d'oro si diffondevano negli spazi, si stemperavano in mille svariati colori e dispensavano ognidove i loro grandi benefizi. - Il cielo si faceva ognora più azzurro e sembrava si atteggiasse a un sorriso, mentre la natura rallegrata dal canto degli uccelli mostrava il suo aspetto gaio di verzura e lievemente indorato dai raggi del sole.

colori, flora e fauna

pp. 6-7
Intanto da un sobborgo posto nel fondo di una valle, e da una chiesuola, in vicinanza di esso, veniva per l'aria un frastuono confuso di campane suonate a distesa, di canti e di zampogne, di tamburelli e di pifferi, che trasmettendosi per ondulazioni e ripetendosi languidamente dall'eco, si udiva da lontano come il concerto di una soavissima melodia. [...] Ella si vedeva contenta del suo signore, però ansiosa che ormai Dio le conceda un pegno del suo inalterabile affetto. Sparsi qua e là venivan dietro, mirandi saltellanti di fanciulli bianchi e vispi come cerbiati; più lontano, vegliardi incalliti e ricurvi sui loro vincastri - e ancor più giù, una massa bruna di vecchierelle vestite a gramaglia.

colori, costumi, flora e fauna, geografia, lingua, religiositÓ

p. 6
Lo sposo, soddifatti i suoi voti, teneva giulivo alle groppe del mansueto palafreno la fida compagna.

flora e fauna

pp. 7-8
Era il Signore del contado che discendeva dal suo castello posto a cavalieri d'un dirupo lassù, in quel monte selvaggio. Egli veniva con un corteo di cavalieri corazzati; i quali li stavano in giro rispettosi, obbedienti e pronti, a suo cenno, d'eseguire qualunque comando per tristo che fosse. - Egli spiccava sovra ogn'altro per lo splendore delle sue armi, pel ricco suo criniero e per la pomposa gualdrappa a liste d'argento con lo stema, in oro, dalla famiglia, che bardava magnificamente il suo destriero.

costumi, flora e fauna, geografia, lingua

1 . 2 . 3 . 4 . 5 . 6 . 7 . 8 . 9 . 10 ......Avanti
 
Centro di Studi Filologici Sardi - via dei Genovesi, 114 09124 Cagliari - P.IVA 01850960905
credits | login | Informativa sulla privacy |