HOME
 
CHI SIAMO
 
PUBBLICAZIONI
 
AUTORI
 
PERIODICI
 
DIDATTICA
 
LESSICO
 
BIBLIOGRAFIA
 
RECENSIONI
 
EVENTI
 
ADMIN
 
CREDITS
Vai all'indice di questa sezione
RECENSIONI

Lo Frasso, Buragna, Quasini e Costa, Paolo Cherchi: “Coltivate questo lavoro“

Nel campo di Mamusa matura il Moderno

La Grazia e il suo Angelo

Formidabile Grazietta!

Le lettere deleddiane

Deledda, le lettere inedite rinvenute nella Biblioteca nazionale di Firenze

Grazia tra fiori secchi e ciocche

Deledda: i sogni di gloria di una futura Nobel

Filologia sarda in rete

Viaggio nei vocabolari con Efisio Marcialis

Il narrare dei sardi aperto a tutte le lingue

Il genio creativo di Giovanni Arca

Tra le pieghe della Deledda

Nell'universo di Sebastiano Satta

“Ecco la letteratura sarda”

Il mio ispiratore? Umberto Cardia

Una tradizione tra storia e leggenda

I testi editi dal Centro di studi filologici sardi (2002-2004)

Le prospettive della filologia

Lo zibaldone di Sebastiano Satta

Storiografia, politica e municipalismo nella Sardegna seicentesca

Lettere a cavallo tra due secoli

L'odissea di Predu Mura

Sassari contro Cagliari nella Sardegna del '600

Il documento minore di Sardus Fontana

Testi e documenti del Medioevo sardo

Una Sardegna inedita e dimenticata

La scrittura militante di Francesco Ignazio Mannu

Proto Arca Sardo senza (pre)giudizi

Complessità e plurilinguismo nell'opera di Giovanni Delogu Ibba

Un fascio di luce sul medioevo sardo

Passione per la montagna e storie dietro un cognome

Poesia ininterrompia

Un nuovo testo del Centro di studi filologici sardi diretto da Paolo Maninchedda ed edito dalla Cuec

Dalla Cuec dieci perle per la collana Scrittori sardi

Le agende di Satta

Salvatore Satta letto attraverso i manoscritti

Satta, ecco il codice del Giudizio

Tra moderatismo filomonarchico e suggestioni libertarie

Sei grandi autori sardi per capire il passato

Dalla polvere di antichi scaffali

La tradizione e i suoi testi

Dolce scontrosa ragazza

Centro di studi Filologici Sardi: una bella realtà da valorizzare

«Io, il bandito Giovanni Tolu». Vera storia del famoso latitante

Scaffale sardo
Viaggio nei vocabolari con Efisio Marcialis
A cura di Eleonora Frongia

Si è fatto già lungo e significativo l’elenco delle opere curate da Eleonora Frongia, giovane e apprezzata ricercatrice del Centro di Studi Filologici Sardi (autorevolmente presieduto da Nicola Tanda e diretto da Giuseppe Marci). Per la Collana “Scrittori sardi” edita dal Centro Studi e dalla Cuec la Frongia – come ricorda il risvolto della sovracoperta, è studiosa in particolare di lingua e letteratura sarda e redattore della rivista culturale “Nae” – ha infatti curato l’edizione del testo di Note sarde e ricordi di Giuseppe Manno e quella di Battesimo di fuoco di Sardus Fontana, il Glossario di Su patriottu sardu a sos feudatarios di Francesco Ignazio Mannu, il Glossario delle cose notevoli de L'autografo de Il giorno del giudizio di Salvatore Satta, il Glossario della Autobiografia di Vincenzo Sulis ed ha coordinato l’edizione dell’lndex libri vitae di Giovanni Delogu lbba (curato da Giuseppe Marci). Una sequenza di opere che certamente propongono una valida testimonianza su un impegno di studio e di ricerca serio e appassionato.
È ora la volta di un altro libro molto interessante: Vocabolari di Efisio Marcialis che Eleonora Frongia ha ancora una volta curato per la prestigiosa collana del Centro di Studi Filologici Sardi e della Cuec. Un denso saggio introduttivo (fra l’altro molto ricco di corpose note) disegna con grande efficacia, sin dalle primissime battute, la figura di Efisio Marcialis, cagliaritano (1862-1933) del quartiere Villanova (che in un saggio giovanile descrisse, fra l’altro, “segregato mediante ferree, solide porte e saracinesche che si chiudevano e calavan all’Ave Maria” e scrigno della “pura lingua sarda, cagliaritana, che è spontanea, viva, frizzante, scoppiettante di arguzie, di satire, di motti faceti”). Marcialis è stato studioso naturalista, docente di scienze e matematica e – come è facile rilevare in tutte le sue opere – ha prestato una non superficiale attenzione alla lingua e ai relativi problemi. In quest’ottica speciale si pongono evidentemente le opere che vengono pubblicate nell’opera curata da Eleonora Frongia: Piccolo vocabolario sardo-italiano dei principali e più comuni animali della Sardegna, Piccolo vocabolario sardo-italiano e Repertorio italiano-sardo: fauna del Golfo degli Angeli, Piccolo vocabolario sardo-italiano: fauna del Golfo di Cagliari e fauna degli altri mari della Sardegna, Elenco di alcuni animali rari da aggiungere alla fauna del Golfo di Cagliari. E grazie anche alle indicazioni della curatrice, persino il più semplice e magari sprovveduto dei lettori recupera da questi libri di Efisio Marcialis un’eccezionale quantità di preziose informazioni che vanno al di là del pur importante aspetto scientifico per rivelarsi singolari e divertenti curiosità linguistiche. Un buon libro, dunque, dell’importante Collana Scrittori sardi meritoriamente proposta dal Centro Studi Filologici e dalla Cuec.

Gianni Filippini

 
Centro di Studi Filologici Sardi - via dei Genovesi, 114 09124 Cagliari - P.IVA 01850960905
credits | login | Informativa sulla privacy |