HOME
 
CHI SIAMO
 
PUBBLICAZIONI
 
AUTORI
 
PERIODICI
 
DIDATTICA
 
LESSICO
 
BIBLIOGRAFIA
 
RECENSIONI
 
EVENTI
 
ADMIN
 
CREDITS
Vai all'indice di questa sezione
RECENSIONI

Lo Frasso, Buragna, Quasini e Costa, Paolo Cherchi: “Coltivate questo lavoro“

Nel campo di Mamusa matura il Moderno

La Grazia e il suo Angelo

Formidabile Grazietta!

Le lettere deleddiane

Deledda, le lettere inedite rinvenute nella Biblioteca nazionale di Firenze

Grazia tra fiori secchi e ciocche

Deledda: i sogni di gloria di una futura Nobel

Filologia sarda in rete

Viaggio nei vocabolari con Efisio Marcialis

Il narrare dei sardi aperto a tutte le lingue

Il genio creativo di Giovanni Arca

Tra le pieghe della Deledda

Nell'universo di Sebastiano Satta

“Ecco la letteratura sarda”

Il mio ispiratore? Umberto Cardia

Una tradizione tra storia e leggenda

I testi editi dal Centro di studi filologici sardi (2002-2004)

Le prospettive della filologia

Lo zibaldone di Sebastiano Satta

Storiografia, politica e municipalismo nella Sardegna seicentesca

Lettere a cavallo tra due secoli

L'odissea di Predu Mura

Sassari contro Cagliari nella Sardegna del '600

Il documento minore di Sardus Fontana

Testi e documenti del Medioevo sardo

Una Sardegna inedita e dimenticata

La scrittura militante di Francesco Ignazio Mannu

Proto Arca Sardo senza (pre)giudizi

Complessità e plurilinguismo nell'opera di Giovanni Delogu Ibba

Un fascio di luce sul medioevo sardo

Passione per la montagna e storie dietro un cognome

Poesia ininterrompia

Un nuovo testo del Centro di studi filologici sardi diretto da Paolo Maninchedda ed edito dalla Cuec

Dalla Cuec dieci perle per la collana Scrittori sardi

Le agende di Satta

Salvatore Satta letto attraverso i manoscritti

Satta, ecco il codice del Giudizio

Tra moderatismo filomonarchico e suggestioni libertarie

Sei grandi autori sardi per capire il passato

Dalla polvere di antichi scaffali

La tradizione e i suoi testi

Dolce scontrosa ragazza

Centro di studi Filologici Sardi: una bella realtà da valorizzare

«Io, il bandito Giovanni Tolu». Vera storia del famoso latitante

La Deledda e Angelo De Gubernatis, un'affettuosa amicizia
Grazia tra fiori secchi e ciocche

In una stagione letteraria nella quale gli scrittori sardi sono assai apprezzati - e non solo i più conosciuti come Fois, Niffoi, Angioni, Milena Agus - torna a far parlare di sé Grazia Deledda, Nobel 1926, grazie ad una fortuita quanto fortunata coincidenza: sono state infatti scoperte un centinaio di sue lettere finora inedite.
Il destinatario fu il letterato, poligrafo, indianista Angelo De Gubernatis, intellettuale conosciuto, ai suoi tempi, in ambito internazionale. Nei primi anni del Novecento egli donò alla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze il suo imponente carteggio, separandone però una parte e vincolandola affinché non fosse aperta se non almeno dopo cinquanta anni dalla sua morte (avvenuta nel 1913). Questo materiale fu depositato nei magazzini dei manoscritti della biblioteca e lì è rimasto finché alcuni anni fa è stato aperto il baule di legno che lo conteneva. All'interno erano conservate numerose lettere, legate con spago e sigillate con ceralacca, talvolta accompagnate da ciocche di capelli, fotografie, ritratti, amuleti, fiori secchi.
Si tratta del carteggio privato, intimo e spessoamoroso che il De Gubernatis intrattenne con diverse donne, alcune assai in vista in quegli anni. Vi si trovano così lettere firmate da scrittrici, giornaliste, traduttrici, affascinanti modelle, insegnanti... (notizie più dettagliate su questo materiale si trovano in un mio saggio nel volume intitolato Carte di donne, II, a cura di Alessandra Contini e Anna Scattigno, Edizioni di Storia e Letteratura).
Tra queste si trovano anche le missive di Grazia Deledda, ma - si freni subito chi si aspetta qualcosa di pruriginoso - con lei il De Gubernatis intrattenne solo un rapporto di affettuosa amicizia. Egli infatti, come per altre corrispondenti, aveva conservato le lettere di carattere più formale, convenzionale, nel carteggio «ufficiale» ed aveva separato quelle di tipo più confidenziale o intimo, relegandole in questa parte privata dell'epistolario per riservarle ad un lettore lontano nel tempo e distante, perciò, da qualsiasi coinvolgimento emotivo. Accartocciate e sgualcite, in una busta ingiallita con su scritto «carteggio di Grazia Deledda fanciulla con Angelo De Gubernatis dal 1°aprile 1894 a tutto il 1898» si sono così trovate ben 99 lettere: lunghe, articolate, alcune scritte in più giorni o in fasi successive ora in un volume edito da CUEC Cagliari, a cura di chi scrive.
Esse colmano perfettamente la lacuna esistente nell'epistolario Deledda-De Gubernatis pubblicato nel 1866 e ne chiariscono anche l'improvvisa interruzione, nel 1894, seguita poi da una ripresa dei contatti a distanza di alcuni anni, ma con espressioni assai più fredde, formali, distaccate. Mancava infatti una connessione, restava un punto interrogativo al quale adesso siamo in grado di rispondere.
L'amicizia tra i due, dunque, lungi dall'essere interrotta, si era approfondita a tal punto da spingere il destinatario di tali missive a nasconderle per questioni di convenienza. Ma non accadde mai che questo sentimento affettuoso oltrepassasse il limite del lecito: tra i due, che si incontrarono di persona solo anni più tardi, ci fu piuttosto un contatto immateriale o, per usare le parole della stessa Deledda, la vicinanza spirituale di «due anime tanto diverse eppurtanto unite».
Queste lettere ci narrano vicende e curiosità, fatti personali e di cronaca, ma svelano anche un mondo di sentimenti, passioni, inquietudini. Esse ci permettono di osservare aspetti finora poco conosciuti di una Deledda giovanissima - poco più che ventenne - della sua personalità e della sua vita di questi anni che furono fondamentali per la sua formazione e per le sue prime prove narrative.

Roberta Masini

 
Centro di Studi Filologici Sardi - via dei Genovesi, 114 09124 Cagliari - P.IVA 01850960905
credits | login | Informativa sulla privacy |