HOME
 
CHI SIAMO
 
PUBBLICAZIONI
 
AUTORI
 
PERIODICI
 
DIDATTICA
 
LESSICO
 
BIBLIOGRAFIA
 
RECENSIONI
 
EVENTI
 
ADMIN
 
CREDITS
Vai all'indice di questa sezione
RECENSIONI

Lo Frasso, Buragna, Quasini e Costa, Paolo Cherchi: “Coltivate questo lavoro“

Nel campo di Mamusa matura il Moderno

La Grazia e il suo Angelo

Formidabile Grazietta!

Le lettere deleddiane

Deledda, le lettere inedite rinvenute nella Biblioteca nazionale di Firenze

Grazia tra fiori secchi e ciocche

Deledda: i sogni di gloria di una futura Nobel

Filologia sarda in rete

Viaggio nei vocabolari con Efisio Marcialis

Il narrare dei sardi aperto a tutte le lingue

Il genio creativo di Giovanni Arca

Tra le pieghe della Deledda

Nell'universo di Sebastiano Satta

“Ecco la letteratura sarda”

Il mio ispiratore? Umberto Cardia

Una tradizione tra storia e leggenda

I testi editi dal Centro di studi filologici sardi (2002-2004)

Le prospettive della filologia

Lo zibaldone di Sebastiano Satta

Storiografia, politica e municipalismo nella Sardegna seicentesca

Lettere a cavallo tra due secoli

L'odissea di Predu Mura

Sassari contro Cagliari nella Sardegna del '600

Il documento minore di Sardus Fontana

Testi e documenti del Medioevo sardo

Una Sardegna inedita e dimenticata

La scrittura militante di Francesco Ignazio Mannu

Proto Arca Sardo senza (pre)giudizi

Complessità e plurilinguismo nell'opera di Giovanni Delogu Ibba

Un fascio di luce sul medioevo sardo

Passione per la montagna e storie dietro un cognome

Poesia ininterrompia

Un nuovo testo del Centro di studi filologici sardi diretto da Paolo Maninchedda ed edito dalla Cuec

Dalla Cuec dieci perle per la collana Scrittori sardi

Le agende di Satta

Salvatore Satta letto attraverso i manoscritti

Satta, ecco il codice del Giudizio

Tra moderatismo filomonarchico e suggestioni libertarie

Sei grandi autori sardi per capire il passato

Dalla polvere di antichi scaffali

La tradizione e i suoi testi

Dolce scontrosa ragazza

Centro di studi Filologici Sardi: una bella realtà da valorizzare

«Io, il bandito Giovanni Tolu». Vera storia del famoso latitante

L'Unione Sarda del 8 marzo 2004
Passione per la montagna e storie dietro un cognome
“Alpinismo a 4 mani” di Saragat e Rey

Fra i dieci volumi della collana "Scrittori Sardi" che il Centro di Studi Filologici Sardi e la casa editrice Cuec hanno mandato in libreria all'inizio dell’anno - tutti i titoli sono di forte richiamo - ce n’è uno che si può definire, e per molte ragioni, interessante e curioso: Alpinismo a quattro mani di Giovanni Saragat e Guido Rey.
Singolare è, intanto, il primo dei due autori: Giovanni Saragat, il figlio dell’avvocato Pietro Saragatu che firmava articoli giornalistici e libri con un Saragato trasformato in "Toga Rasa". E, quindi, c’è la curiosità di un cognome che ha perduto, nel tempo, la sua finale. Una curiosità che non è sfuggita a Ignazia Tuveri che ha scritto la biografia di Giovanni Saragat (e meritoriamente anche la bibliografia delle sue opere e quella critica). Scrive infatti la Tuveri: "Di famiglia gallurese (Tempio Pausania), Pietro Saragatu vive e muore a Sanluri. E Giovanni nasce a Sanluri il 14 novembre 1855. Sulla tomba di Pietro è apposta una lapide che riporta il cognome Saragat, già privo della u finale. Non è esatto, quindi, che quella u sia stata soppressa da Giuseppe - figlio di Giovanni e futuro Presidente della Repubblica italiana - quando era esule in Francia".
Un’altra curiosità è questa: per oltre dodici anni Giovanni Saragat ha collaborato a L'Unione Sarda affrontando argomenti vari: "Come vive una famiglia di contadini", "Delitto per amore", "Festa campestre: Santa Ruina di Morgongiori", ecc. Curiosità nella curiosità: per il primo anno Saragat ha collaborato anche con La Nuova Sardegna, poi ha smesso: forse perché un articolo identico era comparso, nello stesso giorno, sui due quotidiani.
Giuseppe Marci , curatore della riedizione e autore di un corposo saggio introduttivo, dice giustamente che di Giovanni Saragat ci sono molte cose che non sappiamo e promette studi ulteriori. Ma, intanto, è interessante sapere che ha trascorso la fanciullezza fra Sanluri e Tempio, che ha studiato al Liceo Dettori (e l'ha dovuto lasciare dopo un diverbio, in classe, con un insegnante), che si è laureato in Giurisprudenza a Cagliari quando aveva soltanto vent'anni. È a Torino che diventa, poi, valente penalista, attivo pubblicista e, in particolare, appassionato alpinista. Ed è da questa passione che nasce l’amicizia con Guido Rey, "fotografo, scrittore, maestro e poeta dell'alpinismo italiano". Con Rey firma, a quattro mani appunto, il godibile volume sull’alpinismo e i suoi cultori.

Gianni Filippini

 
Centro di Studi Filologici Sardi - via dei Genovesi, 114 09124 Cagliari - P.IVA 01850960905
credits | login | Informativa sulla privacy |