HOME
 
CHI SIAMO
 
PUBBLICAZIONI
 
AUTORI
 
PERIODICI
 
DIDATTICA
 
LESSICO
 
BIBLIOGRAFIA
 
RECENSIONI
 
EVENTI
 
ADMIN
 
CREDITS
Vai all'indice di questa sezione
AMBROGIO MACHIN

biografia

opere

bibliografia

antologia

Nato ad Alghero nel 1580 e morto a Cagliari il 23 ottobre 1640. Nato da famiglia di origine catalana, compì i suoi studi ad Alghero e poi a Cagliari dove divenne frate della redenzione nel convento di Bonaria. Ottenuto il permesso, si recò in Aragona dove si laureò in teologia scolastica, materia che insegnò per molti anni. Fu profondo conoscitore delle opere di san Tommaso da cui attinse materia per i suoi scritti. Fu anche studioso di diritto canonico. Lasciato l’insegnamento, nel 1621 fu nominato vescovo di Alghero. Sei anni più tardi Urbano VIII gli affidava la sede arcivescovile di Cagliari. Con l’opera Defensio sanctitatis... prese parte alla disputa, assai viva in quel periodo, sulla supremazia ecclesiastica fra gli arcivescovi di Cagliari, Sassari e Arborea.

Opere

Commentarii una cum disputationibus in primam partem sancti Tomae, I parte, Madrid, 1621; II e III parte, Cagliari, 1639.

Sermones predicados en la fiesta de la canonizacion de s. Ignacio y s. Francisco Xavier. Por Ambrosio Machin, Cagliari, Martin Saba, 1623.

Sermon en la beatificacion de s. Francisco Borja, primero duque de Gandia, y despues religioso, y tercero general de la Compania de Iesus. predicado por el illustrissimo senor don Ambrosio Machin, obisbo del Alguer, en el collegio de la mesma Compania de dicha ciudad, Sassari, 1624.

Synodo diocesano, celebrado por el illustriss. y reuerendiss. senor don F. Ambrosio Machin arcobispo de Caller, primado de Sardena, y Corcega, & c. en su yglesia Metropolitana, y Primacial, Cagliari, 1628.

Defensio sanctitatis beati Luciferi archiepiscopi calaritani. Sardiniæ, & Corsicæ primatis, & aliorum sanctorum, quos colit Calaritana Ecclesia. In duos libros diuisa, Cagliari, Typographia A. Galcerin, 1639.

Bibliografia

• P. TOLA, Dizionario biografico degli uomini illustri di Sardegna, Torino, Tipografia Chirio e Mina, 1837-38, vol. II, pp. 197-203.

• G. SIOTTO PINTOR, Storia letteraria di Sardegna, Cagliari, Tipografia Timon, 1843-44, vol. I, p. 256. vol. II, pp. 75, 342, 346, 364-376, 383.

• D. E. TODA Y GUELL, Bibliografía española de Cerdeña, Madrid, Tipografía de los Huérfanos, 1890, pp. 127-130, nn. 246-255.

• R. CIASCA, Bibliografia sarda, Roma, 1931-34, vol. III, p. 10, nn. 10163-10169.

• F. ALZIATOR, Storia della letteratura di Sardegna, Cagliari, Edizioni della Zattera, 1954, p. 54.

• G. STARA TEDDE, Osservazioni sull’opera di Ambrogio Machin in difesa della santità di Lucifero di Cagliari e della primazia della Chiesa cagliaritana: bibliografie, “Nuovo bollettino bibliografico sardo e archivio delle tradizioni popolari: periodico bimestrale fondato da Attilio Della Maria", vol. III, n. 14, 1957, pp. 11-12.

• J. ARCE, La Spagna in Sardegna, introduzione, traduzione e note di L. Spanu, Cagliari, TEA, 1982.

• A. RUBINO, Ambrogio Machin e la sua dottrina sulla grazia, (1580-1640), Roma, Littografica '79, 1998.

Antologia

 
Centro di Studi Filologici Sardi - via dei Genovesi, 114 09124 Cagliari - P.IVA 01850960905
credits | login | Informativa sulla privacy |