HOME
 
CHI SIAMO
 
PUBBLICAZIONI
 
AUTORI
 
PERIODICI
 
DIDATTICA
 
LESSICO
 
BIBLIOGRAFIA
 
RECENSIONI
 
EVENTI
 
ADMIN
 
CREDITS
Vai all'indice di questa sezione
GLOSSARI

Condaxi Cabrevadu

Predu Mura. Sas poesias d'una bida

Il condaghe di San Gavino

Agricoltura di Sardegna

Il registro di San Pietro di Sorres

Il condaghe di San Michele di Salvennor

Il condaghe di Santa Maria di Bonarcado

Sa Vitta et sa Morte, et Passione de sanctu Gavinu, Prothu et Januariu

PAGINE CORRELATE

Pubblicazioni

Seleziona un glossario: Lettera:

Opera di riferimento: Agricoltura di Sardegna

Marmariscu, s. m. sing. malavischio (Althea officinalis L.). Questa forma non appare censita né dal Wagner né dal Paulis; tuttavia quest’ultimo riporta le voci “mármara vóina” ossia malva bovina, in relazione alle sue dimensioni, e le voci “prammarisku” e “parmarisku”, in quanto, essendo edibili e di sapore gradevole, “la palma nana e la malva sono oggetto dello stesso tipo di attenzione da parte dei ragazzi” (G.Paulis “I nomi popolari delle piante in Sardegna” Sassari, 1992, pag. 373) si tratta quindi di un incrocio di palma X marma < MALVA che rimanda al latino MALVA EVISCUS (continuaz. del lat. class. HĬBISCUS). La forma marma < MALVA ha probabilmente seguito il seguenti passaggi: MALVA > marba (con rotacismo e betacismo tipici del sardo) > marma (con assim. della occlus. bilab. son. alla corrispondente nasale in relaz. alla “m” incipitaria della sillaba tonica) DES, voc. “márva”. In “Agricoltura di Sardegna” di A. Manca Dell’Arca, parte quarta, capo IV, pag. 236.


 
Centro di Studi Filologici Sardi - via dei Genovesi, 114 09124 Cagliari - P.IVA 01850960905
credits | login | Informativa sulla privacy |