HOME
 
CHI SIAMO
 
PUBBLICAZIONI
 
AUTORI
 
PERIODICI
 
DIDATTICA
 
LESSICO
 
BIBLIOGRAFIA
 
RECENSIONI
 
EVENTI
 
ADMIN
 
CREDITS
Vai all'indice di questa sezione

GIUSEPPE FIORI


Bari, Laterza, 1977
La società del malessere
Giuseppe Fiori

In luogo d'introduzione.

Quando la terra ha sete.

Quest'inverno del '51 si ricorderà per molto. Di buon mattino vado a Bòrore, poi a Santulussurgiu e ancora a Silanus, mamoiada, Orgosolo. È giorno grigio, il corbezzolo brilla di pioggia: acqua tardiva, purtroppo. L'avevano invocata a fine estate, allora per i pascoli è tutta salute. Torna il primo pelo di pastura, e l'inverno che s'avvicina non impensierisce. ma deve piovere in ottobre, massimo novembre: è in questi mesi che il pastore, vedendo l'ovile abbeverato, sogna l'erba alta da lisciare i fianchi delle bestie. Invece nulla, mesi e mesi di cielo asciutto, nuvole e vento, una rovina. E le campagne, inaridite come da una semina di sale hanno adesso colore di malattia, terra nuda ingiallita da un dito d'erba secca. Attunzu ispilìdu pastore fàmidu, autunno spelato (senz'erba) pastore affamato. Così è andata quest'anno. Le pecore cominciano a girare la testa ed a cadere, esauste.

 
Centro di Studi Filologici Sardi - via dei Genovesi, 114 09124 Cagliari - P.IVA 01850960905
credits | login | Informativa sulla privacy |