HOME
 
CHI SIAMO
 
PUBBLICAZIONI
 
AUTORI
 
PERIODICI
 
DIDATTICA
 
LESSICO
 
BIBLIOGRAFIA
 
RECENSIONI
 
EVENTI
 
ADMIN
 
CREDITS
Vai all'indice di questa sezione

SALVATORE CAMBOSU


Nuoro, Ilisso, 1999
Il quaderno di don Demetrio Gunales
Salvatore Cambosu
Oggi abbiamo seppellito il nostro ospite che è morto da noi, in casa nostra, dopo solo poche ore dal suo arrivo a cavallo. C’eravamo tutti al funerale: da mio padre sino alla minore delle mie sorelle, e sino all’ultimo dei nostri uomini di fatica. Al ritorno nostra madre ci ha detto un po’ mesta: – A questa ora si sarà già incontrato con i suoi; con sua madre, donna Maria Elisabetta, che io ho conosciuta e che era l’ultima degli Orzocco; con suo padre don Mariano, che era l’ultimo dei Gunales. Poi, gli saranno già andati incontro anche gli antenati, che furono, chi primo nella Chiesa, chi primo a Corte. Nostra madre, al solito, ci voleva incantare: non sa raccontare mai niente, anche di quanto ci accade attorno, senza che tenti di trasportarci nel paese dei miti. Quando canta le filastrocche alla più piccina, che è ancora in culla, mi sembra che faccia ogni sforzo per convincersi che è possibile si avverino tutti gli auguri, molti dei quali assurdi, che fa alla bambina. Altrettanto deve aver fatto con ciascuno degli altri di noi, suoi figli, e l’esperienza non le ha insegnato che quelle cantilene fatidiche hanno solo il potere di esprimere un affetto che non ragiona, pronto a tutto, insieme con quello, pratico, di ammansire il Sonno che finisce ogni volta con l’arrivare a passo scalzo.
 
Centro di Studi Filologici Sardi - via dei Genovesi, 114 09124 Cagliari - P.IVA 01850960905
credits | login | Informativa sulla privacy |