HOME
 
CHI SIAMO
 
PUBBLICAZIONI
 
AUTORI
 
PERIODICI
 
DIDATTICA
 
LESSICO
 
BIBLIOGRAFIA
 
RECENSIONI
 
EVENTI
 
ADMIN
 
CREDITS
Vai all'indice di questa sezione

ANTONIO PERRIA


Genova, Fratelli Frilli, 2004
Il caso Lampis
Antonio Perria

Venerdì 8 febbraio, pensa un po’ te. Nel buttare l’occhio sul calendario (piccolo, a fogli mobili e comprato coi suoi spiccioli: il suo amore per le cose belle le impediva di consultare quello, inguardabile, fatto stampare dal Comando della Legione e appeso per decreto alle pareti di ogni ufficio dipendente) Marianna Montanari ebbe coscienza di un fatto che per lei avrebbe dovuto essere sempre all’ordine del giorno. Mannaggia la pupa: era la bellezza di quindici mesi che aveva sulle spalline le due stellette di tenente e soprattutto che, per superiore volere, come primo incarico si trovava esiliata – sì, esiliata: non era forse la verità? – quaggiù a Cagliari. Quindici mesi che, a prescindere dalle tre settimane di vacanza estiva (ma in realtà si era ragionato di settembre inoltrato), si trovava a più di ottocento chilometri di distanza da Cadelbosco, provincia di Reggio Emilia, dove aveva trascorso infanzia, adolescenza e prima giovinezza coi genitori, la zia Annapaola e le compagne del liceo.
Quindici mesi di ruvida gavetta, di qualche bella soddisfazione e di un gran numero di pedate fra naso e mento. Il tutto a ricordarle che la vita di un ufficiale dei carabinieri, per giunta femmina, era diversa assai da quella che ti sciroppano le brodaglie della TV.

 

(con Massimo Carloni)

 
Centro di Studi Filologici Sardi - via dei Genovesi, 114 09124 Cagliari - P.IVA 01850960905
credits | login | Informativa sulla privacy |