HOME
 
CHI SIAMO
 
PUBBLICAZIONI
 
AUTORI
 
PERIODICI
 
DIDATTICA
 
LESSICO
 
BIBLIOGRAFIA
 
RECENSIONI
 
EVENTI
 
ADMIN
 
CREDITS
Vai all'indice di questa sezione

PIETRO CASU


Nuoro, Ilisso, 2003
Ghermita al core
Pietro Casu
La fattoria del monte, un casone mezzo rustico a un piano attorniato da varie altre capanne, tra orti, chiusi e lecceti, s’era destata da poco al festoso affaccendio del mattino. I pastori erano intenti alla mungitura, e tutto l’altipiano selvoso e roccioso era vivo di canti, di tintìnni, di gridi. Zio Pascali Luna, il vecchio, mungeva le vacche, dentro alla gran mandra murata: il figlio maggiore, Girominu, le capre, dentro il recinto dall’alta siepe di rami forcuti infissi nel suolo: Malcu, il minore, le pecore stipate dentro un addiaccio limitato da fascine di cisto. I servi legavano e slegavano i lattonzoli, che si lamentavano con mugli pietosi quando venivan strappati violentemente dalle poppe materne e gorgogliavano appagati quando potevano abbandonarsi scodinzolando, a succhiar gli avanzi del latte, che le dita adunche del padrone non avevano potuto spremere. Spiranza e Filumena, due delicate bellezze in fiore, prendevano i secchi di lamiera, di legno, di sughero, ricolmi di latte, dalle mani del padre e dei fratelli, e li porgevano alla mamma, zia Francisca Ciudeddhu, che le attendeva sulla soglia della capanna del cacio, o li votavano esse stesse nei paioli capaci, collocati su cèrcini di fronde. La poesia del maggio si diffondeva sulle frasche occhiute di corolle, tra i nodi di granito, sui valloncelli, sui poggi, deliziando persone e cose, svanendo in dolce armonia di luci e di voci verso la cima del Limbara che si ergeva nel cielo di cobalto.
 
Centro di Studi Filologici Sardi - via dei Genovesi, 114 09124 Cagliari - P.IVA 01850960905
credits | login | Informativa sulla privacy |