HOME
 
CHI SIAMO
 
PUBBLICAZIONI
 
AUTORI
 
PERIODICI
 
DIDATTICA
 
LESSICO
 
BIBLIOGRAFIA
 
RECENSIONI
 
EVENTI
 
ADMIN
 
CREDITS
Vai all'indice di questa sezione
Indice sezioni
Sardegna preistorica
La civiltà nuragica
Dai fenici ai romani
La Sardegna romana
Il periodo giudicale
La dominazione spagnola
La Sardegna Sabauda
Il Novecento
Sardegna preistorica
Il popolamento della Sardegna durante il Paleolitico
Le più antiche tracce del popolamento umano della Sardegna riguardano due fasi del Paleolitico Inferiore e sono riconducibili rispettivamente a circa 500.000-450.000 e a circa 200-150.000 anni fa.
La somiglianza dei manufatti sardi con altri coevi fa supporre primordiali relazioni dei primi abitanti dell’isola con gruppi umani delle coste tirreniche dell’Italia centrale.

Mancano in Sardegna le tracce di manufatti del Paleolitico Medio, pertinenti ai tempi in cui, tra 120.000 e 40.000 anni fa, all’homo herectus del Paleolitico Inferiore, succedette in Europa l’homo sapiens neanderthalensis, già consapevole dei problemi esistenziali e vicino a noi per doti intellettive.

Nel Paleolitico Superiore oramai avanzato e successivamente nell’Epipaleolitico o Mesolitico appaiono in Sardegna testimonianze antropiche nei depositi stratificati datati, col metodo del carbonio 14, tra i 20.000 e i 6.000 anni a.C., che ha restituito abbondanti resti di cervus megaceros cazioti, cervo dalle grandi corna, e di prolagus sardus, roditore commestibile tra il coniglio e il topo, entrambi
scomparsi. La presenza di homo sapiens sapiens è documentata da pezzi di mandibola e da altri resti ossei datati  circa il 12.000 a.C.

 
Centro di Studi Filologici Sardi - Via Bottego 7, 09125 Cagliari - P.IVA 01850960905
credits | login | Informativa sulla privacy |